Vacanze in Francia? Attenzione ai nuovi limiti di velocità

Con l’avvicinarsi dell’estate si fanno più frequenti le gite fuori porta. E, a volte, anche oltre confine. Uno dei più oltrepassati è sicuramente quello con la Francia, che attira non poco movimento sia a due che quattro ruote. Un traffico che si aggiunge a quello quotidiano dei frontalieri per lavoro. In tutto questo, però, c’è un importante aggiornamento da fare: la variazione (al ribasso) dei limiti di velocità in Francia.

Dal 1 Luglio i limiti di velocità scenderanno dagli attuali 90 km/h a 80 km/h per gli oltre 400mila chilometri di strade extraurbane secondarie presenti sul territorio francese. Il primo minimo Edouard Philippe ha dato il via alla misura da gennaio, con l’intenzione di ridurre i sinistri mortali abbassando le velocità medie. Sul territorio francese, infatti, si registrano ogni anno 3.500 morti e 70.000 feriti. Un numero enorme, e secondo le considerazioni e gli studi del governo, 400 vite verranno risparmiate nel corso dei primi 12 mesi di applicazione delle nuove limitazioni.

I nuovi limiti di velocità in Francia? Ignoti ai più

Per 4 cittadini europei su 5, questa variazione è qualcosa di ignoto. A osservarlo è stata l’azienda di produzione navigatori gps TomTom, la quale ha effettuato un’indagine su un campione di 5.000 automobilisti tra Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Paesi Bassi. Risulta che l’81% di questi non era informato detta cosa, e addirittura il 19% di questi non è convinto che ci sia davvero un ribasso. Quel che è peggio riguarda gli automobilisti francesi stessi. Pare infatti che ben il 24% del campione nazionale intervistato non sia a conoscenza dei nuovi limiti.

Facile immaginare quindi come, prossimamente, possa essere molto facile incorrere in sanzioni sulle strade d’oltralpe. Meglio informarsi e non rischiare, e mantenere anche la propria auto sempre in regola.

Share

Guarda anche...