L’elettro-tempismo di Tesla

Mentre continuano ad imperversare le onde dello tsunami Volkswagen c’è qualcuno che in questo mare tempestoso naviga in tutta tranquillità. Ed è alla ricerca di nuovi approdi. Mr. Musk, con  tempismo a dir poco perfetto, ha dichiarato che la Tesla Motors ha intenzione di impiantare uno stabilimento di produzione di auto elettriche in Europa.

Il fondatore e amministratore delegato di Tesla ha senza dubbio colto l’attimo fuggente per annunciare   l’obiettivo di insediare una testa di ponte nel vecchio continente. E una delle aree designate ad ospitare il nuovo stabilimento potrebbe essere la regione delle Fiandre, in Belgio, dove il CEO ha già avuto contatti con le autorità locali. Difatti il sindaco di Anversa, cogliendo la palla al balzo, non ha risparmiato critiche a chi crede ancora nei veicoli alimentati a combustibili fossili, con riferimento esplicito alla famigerata vicenda dei diesel Volkswagen. Con buona pace del politico citato ricordiamo che lo stabilimento di Bruxelles del gruppo di Wolfsburg è sempre stato il benvenuto: le Audi A1  nascono lì.

Perché questo scatto della Tesla verso il continente europeo? Appare chiaro che nel nuovo impianto dovrebbe essere prodotta la nuova model 3, la berlina che dovrebbe finalmente fare grandi numeri e minacciare seriamente le concorrenti Audi A4, BMW serie 3, Mercedes Classe C. Anche perché nel frattempo la Model S, per quanto innovativa e dalle prestazioni eccellenti, resta un veicolo elettrico quasi di nicchia con il suo prezzo base di oltre 80.000 euro; stesso discorso per la debuttante crossover Model X, da poco  presentata ma al momento non ancora in strada. Invece con l’arrivo del nuovo modello più compatto, con un prezzo base intorno ai 35.000 euro e con un’autonomia di oltre 300 km, il mercato delle berline premium potrebbe subire un bello scossone tra non molto tempo.  L’azienda di Elon Musk pare davvero, tra qualche anno, diventare una concreta minaccia ai costruttori “tradizionali”.

Appuntamento al salone di Ginevra, a marzo 2016, dove presumibilmente sarà presentata l’arma definiva della Tesla. E nel 2017 nei concessionari.

Tesla-Model-3-Clay-Proto

Share

Guarda anche...