Sette suv a confronto: Maserati Levante al top

Sette Sport Utility Vehicle a confronto: Volvo XC90, Volkswagen Touareg, Mercedes GLS, Maserati Levante, Jeep Grand Cheroke, BMW X5 e Audi Q7, ovvero i suv che trasmettono immagine di dimensioni imponenti, possibilità di utilizzo davvero in ogni condizione, comfort nei viaggi più lunghi anche in condizioni difficoltose, grandi spazi di carico e, inevitabilmente, anche una certa sensazione di lusso oltre al comfort, con prestazioni di alto livello, come immaginabile visti i veicoli esaminati. D’altronde, negli ultimi anni, suv e crossover hanno conquistato i desideri (e a volte i garage, anche) di un italiano su quattro. Dimenticando nelle ultime versioni un passato di dimensioni che si traducevano in poca agilità e poca manovrabilità in città. L’introduzione di dispositivi di assistenza alla guida ha decisamente cambiato questo aspetto, e ha aiutato non poco anche nel momento in cui questi suv vengono sfruttati così come si dovrebbe: non solo sull’asfalto.

Non si parla quindi di vetture solamente sicure e ben guidabili, ma in grado di far viaggiare al meglio tutta la famiglia, bagagli compresi. Tutte le vetture esaminate sono dotate di trazione integrale – che si traduce in ben differente tenuta di strada, come immaginiamo facilmente – cambio automatico a 8 rapporti (a parte Mercedes GLS, che ne annovera 9) e modalità di guida specifica per quando si lasciano le strade asfaltate, in favore dello sterrato (escluso BMW X5, privo di questa modalità). Non mancano le sospensioni specifiche (che su  Audi Q7 e Volkswagen Touareg sono in verità un optional) per modificare l’altezza della vettura dal suolo, regolandosi così in base al terreno da affrontare. Qualcuna (Jeep Grand Cherokee e la Volkswagen Touareg) persino con un’opzione di marce ridotte.

Bastano però pochi chilometri per avvedersi della superiorità di due modelli in particolare: Maserati Levante spicca per la sua dinamicità, la sua reattività allo sterzo e un’ottima capacità di inserimento in curva – variazioni di traiettoria comprese. Si mostra ben bilanciata nei test di slalom tra i birilli, con tempi e prestazioni paragonabili a quelli di una bella berlina sportiva. D’altronde, dal Levante ci si aspettava proprio questo. Non male Volvo XC90 e Audi Q7: massa inferiore e sterzo preciso del primo rendevano certi risultati forse prevedibili, ma la lunghezza della seconda ha stupito nel suo non essere un peso per la manovrabilità. abbastanza da vedersela direttamente con la Levante. Buoni anche i movimenti di BMW X5, mentre Volkswagen Touareg perde il confronto quando si parla di sospensioni:sembrano poco controllabili, cosa che va a rendere anche meno fluido e preciso il movimento di sterzo. Mercedes GLS e Jeep Grand Cheroke pagano una massa molto pesante e una lunghezza (soprattutto per la GLS) davvero oltre la misura delle concorrenti.

Il lusso di Maserati Levante diventa quindi un plus, a fronte di prestazioni più che in grado di controbattere con più rinomati marchi – per il momento – in un settore del luxury automotive che presto sarà insediato da una realtà italiana.

Share

Guarda anche...