I seggiolini si fanno sempre più sicuri

  • seggiolino-2waypearl-BBC

Anche i seggiolini auto evolvono e diventano sempre più sicuri. Dalla fine dello scorso anno e fino a questi primi mesi del 2016, sono arrivati sul mercato i seggiolini per bambini omologati secondo la più recente normativa europea i-Size.  La ECE R-129, questo il nome ufficiale del complesso delle nuove norme, ed entrata in vigore nel luglio 2013, si applica ai nuovi seggiolini auto per neonati e bambini fino ai quattro anni di età. Di seguito le principali caratteristiche della nuova regolamentazione.

La i–Size impone nuove specifiche e criteri più severi di test per offrire migliore protezione in caso di impatto laterale. Impone l’obbligo dell’utilizzo del seggiolino installato in senso contrario di marcia fino ad almeno 15 mesi, in quanto viene ridotta significativamente la possibilità di lesioni al collo e alla testa dei bambini in caso d’incidente. E’ volta a limitare gli errori d’installazione, richiedendo per il montaggio del seggiolino l’utilizzo del sistema ISOFIX al posto della cintura di sicurezza dell’auto, in maniera da evitare la possibilità d’installazione errata e pericolosa. Classifica i seggiolini in base all’altezza (e non più in base al peso), per facilitare i genitori nella scelta del modello più adatto al loro bambino. Infine richiede una migliore compatibilità tra autovetture e seggiolini per facilitarne l’utilizzo. Da notare che Euro NCAP, l’ente europeo per la sicurezza dei veicoli,  incoraggia la disponibilità di posizioni di seduta i-Size già pronte all’interno delle vetture, unitamente ad altri sistemi che agevolano il trasporto sicuro del bambino.

E’ doveroso precisare che la normativa i-Size non sostituisce quella precedente, ovvero la ECE R44, dunque non si è obbligati a cambiare seggiolino; inoltre negli esercizi commerciali saranno ancora disponibili seggiolini (anche nuovi) omologati secondo la vecchia normativa. Da notare che i prezzi dei seggiolini più recenti che soddisfano la nuova regolamentazione non necessariamente sono più costosi di quelli della generazione precedente.

 

Share

Guarda anche...