Migliora il clima, si viaggia in auto: i controlli auto da fare dopo l’inverno

Il 15 aprile si è dato il via al cambio degli pneumatici, da invernali a estivi, e non è più obbligatorio avere dotazioni alternative in auto (come le catene), salvo diverse indicazioni di gestori stradali in zone particolari. Dando per assunto che i lettori di Dotcar siano sufficientemente informati ormai da sapere bene quali siano i rischi del non cambiare gli pneumatici (ma presto vedremo anche quello), vediamo qualche cosa in più dei controlli da fare ora che inizia la bella stagione e che ricominciano anche i ponti delle vacanze, o semplicemente i week end in cui le gite fuoriporta si fanno più frequenti, con annesso movimento in auto. Quell’auto che magari per l’inverno abbiamo usato di più in città, ma la (quasi totale) scomparsa delle nebbie ci ha portati a volerla condurre meglio anche nei nostri fine settimana.

Pneumatici

Come detto, il 15 Aprile è scaduto il termine per l’uso degli pneumatici invernali. Vanno rimontati quelli estivi o quelli all-season, non solo per ragione di sicurezza ma anche per evitare di incorrere in controlli e sanzioni. La sicurezza non vale il prezzo del risparmio, in taluni casi, e questo è uno di quelli.

Batteria

La batteria dell’auto ha una vita media di 4-5 anni. Se siete in prossimità di quell’età, fatela controllare dalla vostra officina di fiducia, e da questa sostituire qualora fossero riscontrate delle anomalie. Segnalate sempre quando si verificano anomale accensioni di spie sul cruscotto, che si risolvono con uno spegnimento e una nuova accensione della vettura, poiché potrebbe essere qualche segnale di problemi alla batteria.

Filtri d’aria abitacolo

Il filtro dell’aria abitacolo è l’unica barriera che intercorre tra noi all’interno e tutto l’ambiente esterno: dallo smog, a qualsiasi agente, ai pollini (ed ecco che infatti si aggiunge spesso il filtro antipolline). Verificare lo status di queste due parti è essenziale per la nostra salute. Sebbene sia tendenzialmente di facile raggiungimento, proprio per la sua natura così rilevante è importante che sia sempre mosso da personale capace e qualificato, piuttosto che anche dal fai-da-te all’insegna dell’eccessivo risparmio.

Altri controlli

Buona abitudine, prima di affrontare un viaggio, è quella di controllare i livelli dei liquidi, dall’olio al liquido di raffreddamento, controllando che freni e sospensioni siano funzionali. Ultimo ma non certo per importanza, spazzole e liquido lavavetri: si entra nella stagione in cui gli insetti affollano il nostro parabrezza, e avere una visibilità ridotta da questi è anche pericoloso. Aggiungere una apposita spazzolina o spugnetta in un piccolo kit di pulizia nel nostro bagagliaio, non può fare altro che aumentare la visibilità anche in un lungo viaggio, quando a metà strada ci si trova “opacizzati” dalle altrui ali, per così dire. Controllare anche che tutti gli indicatori, come le frecce, o le luci come i fari sia di posizione che normali, siano correttamente funzionanti.

Share

Guarda anche...