Lucid Motors prepara la concorrenza a Tesla

  • 01
  • 02
  • 03

Verrà presentata al Salone di Los Angeles la vettura di Lucid Motors (fu Atieva), una berlina il cui nome in codice è Atvus. Un camuffamento importante, come mostrano le immagini, ,a le ambizioni di quest’auto sono note: una produzione di serie per il 2018 e il medesimo segmento di Tesla, con il risultato di volersi mettere in diretta concorrenza con il colosso di Elon Musk. Che quello dell’elettrico luxury è un mondo tutto da esplorare.

Il confronto delle immagini mette la vettura di Lucid Motors accanto a berline decisamente note e leader nel proprio campo: Mercedes-Benz Classe S e a una BMW Serie 7. I dati della casa dichiarano che si tratterà di una vettura poco più corta e piccola delle altre due, ma che non andrà per questo a sacrificare abitabilità e capacità del vano di carico del bagagliaio. D’altronde non può permettersi questo genere di “errore”, se vuole arrivare già a un target di 20mila vetture prodotte il primo anno, per un massimo di 130mila pezzi annui una volta a completo regime di produzione. E nei progetti a lungo termine, per Lucid Motors ci sarebbe anche un Suv, intorno al 2020-2021. Anni che sembrano distanti, ma sappiamo benissimo come scorrano rapidi quando si parla di motori e tecnologia.

Stando alle informazioni che si succedono, il powertrain della vettura è il medesimo equipaggiato su Mercedes-Ben Vito, il modificato che ha dato del filo da torcere sino a battere diverse supercar in gare di drag racing. Quanto ai dati numerici, c’è da prendere un forte respiro: si prospetta una supercar da 900 CV (secondo alcuni addirittura 1000), con due motori e una superbatteria ad alta capienza (se Vito usava un accumulatore da 87 kHw, non si esclude che si passi a 100 kWh come per la Tesla P100D). Il tutto dovrebbe poter essere in grado di scatenare una potenza per una accelerazione da 0 a 60 miglia orarie (circa 96 km/h) sotto ai tre secondi, per l’esattezza 2.94. Se si aggiunge che il modello di serie dovrebbe attestarsi su una autonomia di circa 300 miglia (482 km) si ottiene che si, Atvus potrebbe essere davvero una scomoda compagna di giochi, per Tesla.

 

Share

Guarda anche...