Le strade più a rischio del mondo? Ecco la mappa

Chi viaggia spesso all’estero, lo sa: ci sono luoghi e Paesi dove è più pericolosi guidare, dove le strade sono più di difficile tenuta e quindi aumentano i rischi di incidente: questo è lo saccato che viene registrato nella mappa delle strade più a rischio del mondo, grazie alla collaborazione tra Global Road Safety Partnership, Report on Road Safety e i dati del 2015 dell’International SOS Foundation. Un esempio? Zambia, Sudan, Mali, Kenia, Kazakhstan, Libia, Iran, Etiopia, congo, Arabia Saudita, Angola… Che siate un passeggero in taxi o in auto o che siate un pedone, i rischi sono elevatissimi. È un allarme che vuole sensibilizzare alla sicurezza stradale i locali stessi, ma anche chi viaggia.

Per esempio, raccomanda di assicurarsi sempre che quando si effettuano spostamenti a quattro ruote, sia con pulmini, minivan e mezzi pubblici che con auto di trasporto privato come taxi o noleggio, siano presenti le cinture di sicurezza anche per i passeggeri, in maniera da avere una ritenzione in caso di sinistro. È anche utile evitare piccoli veicoli a due o tre ruote, che sebbene in talune aree siano molto popolari (e turisticamente molto folkloristici), sono anche delle trappole dalle quali è quasi impossibile emergere.

Le strade più a rischio del mondo Ecco la mappa (2)

Clicca sulla mappa per raggiungere il sito e scoprire i dettagli

Certo, inevitabile osservare come “il mondo occidentale” sia più sicuro in quel senso: ma i sistemi di sicurezza delle auto e un’educazione stradale sicuramente più efficiente, oltre a manti di asfalto (nonostante tutto, verrebbe da dire, pensando ad alcune nostre situazioni locali) più efficienti di sterrati non sorvegliati o in cui i collegamenti con i soccorsi sono decisamente più complicati. Chissà come sarebbe una mappa simile, fatta su scale più piccole come delle singole aree di un Paese.

Share

Guarda anche...