Le novità di Pechino 2016

  • 37_AutoChina2016CMSHome
  • 2017-peugeot-308-sedan-0
  • cirtoe
  • cq5dam.web.650.600
  • cx-4
  • renault-koleos-2016
  • touareg

In Cina sono accesi i riflettori del Salone dell’Auto di Pechino. L’appuntamento biennale, aperto quest’anno dal 25 aprile al 4 maggio, offre come sempre molti spunti, talora curiosi, alcuni velleitari, altri (come versioni a passo lungo delle “solite” tedesche) orientati esclusivamente al mercato locale. Quelli che invece raccontiamo di seguito sono quelli che interessano o potranno interessare le nostre strade.

In rigoroso ordine alfabetico partiamo dalla Acura con la sua CDX. Si scrive Acura, ma si legge Honda: il compact SUV presentato non è altro che la H-RV in salsa cinese, salsa più gustosa invero considerato che monta il 1.5 turbo Honda di nuova generazione con cambio a doppia frizione a otto rapporti. Che non troveremo sulla H-RV ma di certo sulla Civic di nuova generazione.

La Buick LaCrosse Hybrid non è vendita in Italia. D’accordo. Ma sotto il cofano troviamo un powertrain full hybrid con un quattro cilindri benzina 1,8 litri e pacco batterie agli ioni di litio da 1,5 kWh. Considerando che il pianale è uno di quelli globali GM su cui nasce anche la Opel Insigna, ce n’è abbastanza per solleticare l’interesse di noi europei. Soprattutto per i consumi dichiarati, che per questo macchinone recitano un ottimo 4,7 l di benzina per 100 km.

cq5dam.web.650.600

A proposito di elettricità, ecco la Citroën E-Elysée. In versione “normale” è fresca di debutto sul mercato italiano come berlina ad alto rapporto contenuti/prezzo, mentre a Pechino la Casa del “double chevron” la presenta in versione elettrica dichiarando 250 km di autonomia e appena 30 minuti per la ricarica rapida.

Al debutto mondiale invece la CX-4 di Mazda, con la inedita SUV-coupé che declina in maniera ancor più dinamica i concetti del Kodo Design sui suoi crossover. Presentata con i propulsori benzina Skyactiv-G da 2.0 e 2.5 litri, al momento sarà in vendita solo sul mercato asiatico. La Casa di Hiroshima non conferma ma probabilmente arriverà anche negli USA e in Europa. Da noi ovviamente anche con gli Skyactiv-D. In attesa delle conferme ufficiali, togliete il “probabilmente”.

cx-4

Prima citavamo la C-Elysée. Ed ecco che la cugina Peugeot presenta la 308 Sedan, la tre volumi della Casa del Leone. Interessante notare il disegno tutt’altro che banale e che tecnicamente, a differenza della Citroën, non è un prodotto low-cost bensì sfoggia la stesso pianale della due volumi in Europa, oltre a finiture superiori. Desiderio di andare a stuzzicare il mercato delle berline compatte tre volumi, quello presidiato da CLA, A3 Sedan e la futura Serie 2 a quattro porte? Lo vedremo. Intanto la Cina continua a gradire le berline (oltre i crossover).

2017-peugeot-308-sedan-0

E a proposito di SUV e affini ecco la nuova Renault Koleos. Che con il vecchio modello (di derivazione Samsung) nulla ha da spartire, mentre invece ne ha eccome con la Kadjar (leggi Nissan Qashqai). Prodotta in Cina in un nuovissimo impianto, la Koleos arriverà certamente da noi. Per sapere quali motori monterà vi basterà sfogliare il listino della Nissan X-Trail.

renault-koleos-2016

Dalle grandi auto a quelle piccole con la Smart in versione Brabus. Il modello “pepato” della gamma stavolta è spinto dal tre cilindri turbo di origine Renault da 0.9 litri, che in questa release eroga 80 kW/109 CV, installato su fortwo, fortwo cabrio e forfour​.

Ultima ma non ultima la Volkswagen T-Prime Concept GTE. Dietro l’ennesimo nome allo stesso tempo lungo ed ermetico si cela la nuova Touareg, che qui viene presentata con l’immanacabile powertrain ibrido plug-in, ma che in Europa arriverà con i “tradizionali” motori benzina e gasolio. In attesa della ibrida di serie che, dopo il Dieselgate, non può mancare.

touareg

Share

Guarda anche...