La 500X è già ibrida

La FIAT 500X ibrida è già tra noi, realizzata dalla BerMarTEC/Movelectric, azienda altoatesina. Nata nel 1996, la società nel 2015 sviluppa nuovi sistemi e automezzi a trazione elettrica e inizia a convertire gli automezzi esistenti o speciali in automezzi elettrici e/o ibridi. Viene costituita Movelectric, d’ora in poi dedita alla vendita, distribuzione e noleggio di automezzi elettrici e ibridi.

Nelle intenzioni di questa azienda, la Fiat 500X 4×4 con il motore “tradizionale” viene trasformata in auto ibrida innovativa e sostenibile, che permette di ottenere una dignitosa autonomia elettrica per il commuting quotidiano e di avere sempre a disposizione le prestazioni del motore endotermico. In pratica due auto in una, a portata di tantissimi portafogli. In verità è ancora in fase di sviluppo e solo dopo l’estate verrà presentato ufficialmente il kit di trasformazione, che sarà presumibilmente disponibile per molte vetture a trazione integrale.

Vediamo intanto i dettagli tecnici. Sviluppata esclusivamente sulle versioni a trazione integrale della crossover FIAT, la 500X Hybrid E non vede stravolgimenti. Difatti, in maniera davvero semplice, uno o più motori elettrici sono calettati sull’albero di trasmissione che porta la coppia motrice all’assale posteriore; ogni unità elettrica, con motore sincrono a magnete permanente, eroga 30 kW di potenza e permette al crossover di toccare una velocità massima di 120 km/h.

Le batterie, un pacco agli ioni di litio, sono installate posteriormente sottraendo parte di volume utile del bagagliaio e permettono di ottenere un’autonomia di marcia in modalità elettrica fino a 30 km; la ricarica avviene in circa 6 ore, attraverso la presa nascosta dietro il logo FIAT della calandra anteriore. L’elettronica di gestione di tutto il sistema invece è allocata nel vano riservato alla ruota di scorta. Tutto il sistema ibrido comporta un aumento di peso della vettura intorno ai 180 kg.

All’interno dell’abitacolo troviamo sul tunnel un display e due tasti che permettono la scelta modalità di guida alternative a quella col solo motore termico.

In attesa del termine dei collaudi e dei dettagli definitivi (compreso quello cruciale del prezzo), BerMarTEC intanto ha richiesto l’omologazione del dispositivo alle autorità.

Share

Guarda anche...