Incidenti stradali in aumento in USA: colpa della tecnologia che distrae

Incidenti stradali in aumento in USA: colpa della tecnologia che distrae

Sono piuttosto inquietanti i dati statistici diffusi dal National Safety Council degli USA, a proposito del numero e della percentuale di incidenti stradali avvenuti nella prima metà del 2015. E sono soprattutto i valori percentuali che fanno riflettere, più degli assoluti. Benché vi sia stato un aumento del 3,4% di miglia percorse (si parla di una quantità di 1.26 trilioni di miglia in tutti gli Stati Uniti d’America), molto superiore è la percentuale di incidenti che si rivelano mortali per i passeggeri dei veicoli: il 14% di decessi in più, raffrontando da Gennaio a Maggio 2015 con lo stesso intervallo del 2014.

Questi numeri hanno portato a indagare meglio su questo fenomeno, e si viene così a notare che sono diminuiti gli incidenti in cui si trovano coinvolti giovani, neopatentati e guidatori in stato d’ebbrezza, ma anche che è in costante aumento l’utilizzo delle cinture di sicurezza (e meno male, ci verrebbe da dire, considerando una percentuale così spaventosa). Ma questi punti dovrebbero portare a una diminuzione dei sinistri, non a un loro aumento. Si viene così a osservare che è molto probabile che la causa di tutto questo sia l’aumento dei limiti di velocità massima (molte contee stanno infatti innalzando i limiti massimi, consentendo così di guidare a velocità superiori), ma anche l’eccessiva non solo presenza, ma anche interazione continua con dispositivi tecnologici. Dall’autoradio, al navigatore, e soprattutto il telefono / smartphone. Lo sguardo viene distratto troppo do frequente, e con esso anche l’attenzione del guidatore.

D’altronde lo vediamo anche noi, purtroppo, sulle nostre strade: quante volte ci capita di prestare attenzione doppia a una rotonda, che qualcuno prende un po’ troppo grintosamente, mentre è al telefono? O quante volte il nostro vicino di corsia sta utilizzando lo smartphone mentre è in coda, rischiando un pur semplice tamponamento – che può diventare tragedia in un attimo, se si ha a che fare con un motociclista – o in autostrada, quando ci ritroviamo qualcuno che arriva a velocità nettamente superiore al limite e non rispetta minimamente le distanze di sicurezza? C’è indubbiamente di che riflettere.

Share

Guarda anche...