In spiaggia con E-Méhari, l’auto da mare di Citroën

Nel 1987 si concludeva la produzione di una piccola vettura considerata all’epoca il must per andare in spiaggia, la Méhari. Ma a quanto pare dobbiamo aspettarci un ritorno. Si chiamerà Citroën E-Méhari e, come suggerisce il nome, sarà elettrica al 100%. In collaborazione con Bolloré, leader nel car sharing elettrico, Citroën è pronta a produrre a Rennes e a distribuire a partire dalla primavera del 2016, giusto in tempo per la prossima stagione estiva, mentre una vettura prototipo è visitabile nello showroom parigino del marchio.

Avrà un motore elettrico con 50kW e sarà dotata di una batteria al litio che, grazie a una capacità di 35kW, le darà una autonomia di circa 200km in situazione urbana – quindi a velocità limitte – mentre in extraurbano questa scende a circa 100km. Una ricarica completa varia dalle otto alle dieci ore (e non si tratta quindi certo di qualcosa di adatto a lunghi viaggi, complice una velocità massima di circa 110 km/h), e si tratta decisamente di qualcosa più vicino a una citycar o a una seconda vettura da luogo di vacanza, piuttosto che altro.

Dicevamo, ideale per essere usata in spiaggia. Perché al di là del design evocativo, si ha una ricercatezza nei materiali che mostrano una carrozzeria in materiali plastici termoformati, così da rendere l’auto decisamente più leggera, ma anche immune la ruggine e alla corrosione dell’acqua, dell’umidità e della salsedine. Un capiente bagagliaio da 200 litri consente un buono stivaggio del necessario, ma la possibilità di aprire la capote in diverse maniere (davanti, ai lati, dietro o in maniera completa) hanno decisamente un carattere da spiaggina. Interni interamente sfoderabili e lavabili completano il quadro di una piccola auto da sabbia.

Share

Guarda anche...