Il grifone svedese di Saab non rinascerà

Il grifone è morto, la Saab non c’è più. La National Electric Vehicle Sweden NEVS,  azienda svedese specializzata nella produzione auto elettriche con capitale a maggioranza cinese e proprietaria del costruttore di Trollhättan, ha comunicato l’intenzione di voler produrre auto elettriche senza utilizzare il nome del marchio svedese.

Secondo quanto diramato dalla società, il primo veicolo sarà la versione elettrica della vecchia Saab 9-3, che sarà prodotta dal prossimo anno e sarà commercializzata con il marchio NEVS. Quest’ultima  è  impegnata a fornire, in collaborazione con la cinese Dongfeng, proprio 250.000 9-3 elettriche entro il 2020: questo l’accordo  da 12 miliardi dollari con un’altra società cinese impegnata nel ramo delle nuove energie, la “Panda New Energy”. 

Il motivo principale diell’abbandono del marchio è dovuta all’ostilità di Scania, che sin dal 2012 aveva manifestato la volontà di non autorizzare l’utilizzo dello storico logo. La Scania, azienda specializzata nella costruzione di mezzi pensati ed in passato accomunate nello stesso gruppo automobilistico, ha posto dunque il veto definitivo e sancito la fine di una lunga storia.

1947-saab-ursaab_00435029

Storia che iniziava nel 1949 con la Saab 92. Prodotta in 20 mila esemplari, fu poi sostituita sei anni dopo dalla 93. Nel 1959 esordiva la versione familiare della berlina, la 95. Dopo altre versioni basate sulla primordiale 92, la prima vera auto nuova e pietra miliare della casa svedese fu la innovativa 99, che vide la luce nel 1968. Da ricordare l’auto più venduta tra tutte, la 900, nata nel 1978 , e la 9000 di metà anni ‘80, frutto di un progetto comune (Tipo 4) col gruppo FIAT.  Nel 1990 SAAB fu acquisita dalla General Motors, con la produzione delle vetture strettamente imparentata con altri prodotti della galassia automotive statunitense. Dopo un periodo di relativa tranquillità, alcune scelte infelici del management svedese-americano posero la questione del destino di Saab. E la crisi economica del 2008 fece il resto. Messa in vendita, la Casa svedese passò dalla olandese Spyker  a società cinesi fino ad arrivare, dopo varie vicissitudini,  all’attuale proprietà. Col grifone che non diventerà araba fenice.

saab-99-1969-3 900 saab-9000

Share

Guarda anche...