FCA si prepara a richiamare 410mila vetture

Momento caldo per FCA, non solo per l’estate, ma anche per un operazione di richiamo (che si svilupperà prevalentemente tra USA e Canada) che coinvolge circa  410mila veicoli. Il richiamo riguarda la verifica, a seguito della segnalazione di rischio, di anomalie al motore: i motori in esame potrebbero subire improvvisa perdita di potenza, con forti rischi per la sicurezza e incolumità del guidatore, dei passeggeri, e dei vicini di strada.

Al momento sembra che le vetture interessate siano le versioni MY 2015 della Chrysler 200, di jeep Renegade e Cherokee, e del diffuso furgone Ram Promaster City, e alcune vetture MY 2014, probabilmente delle ultime prodotte, di Jeep Cherokee. Si tratta quindi di vetture che sono prevalentemente disponibili  nel mercato nordamericano, e che nei territori dovrebbe attestarsi a circa 323mila richiami negli Stati Uniti e poco più di 35mila in Canada. I restanti interventi, circa 51mila, dovrebbero essere distribuiti nel resto del mondo.  In alcuni casi queste vetture dovrebbero essere richiamate anche in Italia, ma non se ne ha ancora certezza; nell’eventualità non è ancora reso pubblico il numero di veicoli coinvolti.

Sembra comunque che il gruppo FCA abbia già individuato come correggere tempestivamente il tipo di difetto, ovvero tramite un semplice aggiornamento di tipo software e il rimpiazzo di alcuni sistemi di cablaggio. Tuttavia non è ancora chiaro entro quanto tempo e con quali tempi complessivi verranno effettuati richiami. FCA ha comunque già esplicitato che questo difetto non è stato causa di alcun incidente sulle strade, e che in attesa dell’intervento, in caso di improvvisa perdita di potenza del motore, si può temporaneamente ovviare spegnendo il motore e riaccendendolo subito dopo.

Qualora si sia, anche in Italia, in possesso di una delle vetture interessate da questo genere di difetto, ci si può rivolgere a un idonea struttura che sia in grado di verificare la presenza del problema, in attesa dell’intervento ufficiale.

Share

Guarda anche...