Elon Musk pensa a un sabotatore in Tesla

Il mondo dell’industria e dell’innovazione vive costantemente in lotta: tra concorrenti e aziende spesso la competizione industriale è complessa e difficile, a volte con casi eclatanti di concorrenza più o meno sleale. Più raro è, invece, l’intervento di sabotaggi. Ma secondo Elon Musk è proprio questo il caso che colpisce la sua azienda automobilistica. Tra un incidente e l’altro.

In fiamme la Tesla Model S di Michael Morris

Pochi giorni fa, un nuovo incidente ha colpito una Tesla, e questa volta è stato davvero rischioso e non dipendente da sistemi autonomi: la vettura è andata a fuoco all’improvviso. Trattavasi della nuova Tesla Model S del produttore e regista britannico Michael Morris (il regista di serie quali Thirteen, Shameless e diversi episodi di House of Cards),a bordo della quale si trovata lui stesso, insieme alla moglie, sulle strade trafficate di Los Angeles. Una coppia di passanti ha segnalato ai due il pericolo, permettendo loro di scendere rapidamente prima che la vettura prendesse completamente fuoco. Mary McCormack , moglie di Morris, ha poi condiviso sui social le immagini di quanto stava accadendo alla vettura.

La possibilità che un’auto elettrica vada a fuoco è infinitamente più bassa rispetto a quelle di una normale vettura.

L’azienda sabotata secondo Elon Musk

Non si sa se sia collegato o no a questo evento, ma Musk ha inviato ai suoi dipendenti una lunga email – autenticata da una portavoce dell’industriale – nella quale veniva comunicata la presenza di un sabotatore all’interno dell’azienda. Qualcuno che ha operato un’azione di sabotaggio piuttosto estesa e compromettente. Si tratta probabilmente di condivisione di dati personali degli utenti. Secondo le illazioni, si tratterebbe di un dipendente al quale non è stata concessa una promozione. È anche vero che non è la prima volta che Musk sostiene di essere vittima di sabotaggio: la stessa cosa fu dichiarata anche quando, nel 2016, un razzo di SpaceX esplose durante la fase di rifornimento.

Share

Guarda anche...