Ecco la rivoluzione per la Peugeot 3008

E trasformazione fu. Dopo l’anticipazione dell’ i-Cockpit  la Peugeot presenta le prime immagini ed informazioni sulla nuova 3008. E da monovolume con pretese – velleitarie, invero – da crossover ecco un design da vero SUV.

Al debutto ufficiale al Salone settembrino di Parigi e nei concessionari il mese successivo, la 3008 ha le dimensioni giuste per andare a concorrere con i benchmark Volkswagen Tiguan e Nissan Qashqai: 4,45 metri di lunghezza, 1,84 di larghezza, 1,62 di altezza. Anche il passo cresce fino ad arrivare a 2,67. Prodotto di queste misure un bagagliaio di 520 litri ed un ampio abitacolo.

1464047454990 int

Ed è proprio l’abitacolo a riservare, se possibile, ancor più innovazione: l’ i-Cockpit viene  declinato in maniera evoluta, presentando la strumentazione con display da 12,3 pollici e un posto guida dalla fattezze aeronautiche, grazie anche al design dei comandi principali e secondari. Oltre al display principale a centro plancia è presente uno schermo touchscreen da 8 pollici: il tablet offre la  navigazione 3D , i sistemi  MirrorLink e Apple CarPlay, oltre a fare da interfaccia con gli altri sistemi di bordo.  Ad amplificare la sensazione di benessere a bordo la regolazione dell’illuminazione ambientale, la diffusione di fragranze e il sistema di massaggio dei sedili. Il lato dinamico non è trascurato grazie allo “Sport Pack”, che permette di ottenere una risposta di sterzo, motore e cambio automatico più reattiva. A differenza dei competitors, al momento non è prevista una versione a trazione integrale, sostituita dal “Grip Control” mutuato dalla 2008. Ma probabilmente è solo una questione di tempo: come per la precedente 3008 arriverà la HYbrid4, ovvero con motore elettrico e trazione posteriori insieme al motore termico – a benzina, stavolta –  e alla trazione all’anteriore.

Caratteristica peculiare della nuova generazione è il telaio,  l’EMP2 che ha già dato i natali alla 308: più rigido e leggero, permette un risparmio di peso (in media) di 100 kg. Ciò consente di ottenere le migliori prestazioni dai propulsori disponibili, tutti sovralimentati: al lancio i  Puretech 3 cilindri 1.2 da 130 CV con cambio manuale o automatico EAT6  e quattro cilindri 1.6 THP 165 CV, esclusivamente con l’EAT6; a gasolio invece tutti quattro cilindri BlueHDi, il 1.6 da 100 e 120 CV (quest’ultimo anche automatico) e 2.0 BlueHDi da 150 e 180 CV solo con l’EAT6. 

Ovviamente tutti i dettagli inerenti il prezzo della vettura e degli equipaggiamenti per il mercato italiano verranno svelati solo dopo l’estate.

 1464047454990post

Share

Guarda anche...