Da Volkswagen e Coodriver arriva l’app “salvabambini”, Schutzranzen App

Se  si potesse avere un radar che individua i movimenti pericolosi dei pedoni, soprattutto in punti a limitata visibilità, sarebbe un incremento notevole nei sistemi di sicurezza non solo in auto, ma anche all’esterno della stessa. Proprio su questo punto stanno lavorando Coodriver in collaborazione con Volkswagen. Schutzranzen App, questo il nome dell’app che consentirà il funzionamento del tutto, si basa sul principio che che bambini ma anche pedoni come corridori e normali camminatori a bordo strada siano dotati di un piccolo dispositivo  GPS che individua la loro posizione (da qualcosa da inserire nello zainetto, al un accessorio per le scarpe da corsa oppure un software legato allo smartphone) e la trasmette a un ricevente come lo schermo di una vettura in prossimità. In questa maniera, il guidatore viene allertato della presenza di qualcosa in traiettoria potenzialmente pericolosa.

Con lo sfruttamento del principio dei sistemi cloud per la condivisione dei dati personali, in questo caso la posizione, si va a creare una “mappa” dei “rischi in movimento”, con dinamicità in tempo reale.

La comunicazione con l’ambiente potrà migliorare in futuro la sicurezza di tutti gli utenti della strada. E la App Schutzranzen rappresenta un ulteriore elemento di monitoraggio intelligente delle situazioni di pericolosità che consente di identificare e proteggere le persone più vulnerabili sulle strade.

Così Volkmar Tanneberger, che altri non è se non il responsabile per lo sviluppo delle tecnologie elettroniche di VW. Con buona pace della privacy, a quanto pare, ma per lo meno si intende favorire la diffusione di questo sistema con la distribuzione gratuita, in Germania, del piccolo tracker GPS a uso pedonale.

Share

Guarda anche...