Da leonesse a pantere e gazzelle

Stanno arrivando. Dopo aver vinto l’appalto nell’aprile 2014 suscitando molti commenti in rete, ecco dunque arrivare pantere e gazzelle sulle strade italiane fornite dalla SEAT: le prime 206 Leon stanno per essere consegnate a Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri.

E questo è solo il primo lotto di una fornitura che secondo il bando di concorso potrebbe vedere, negli autoreparti delle forze dell’ordine italiane da qui al 2018, fino a 4.000 auto del marchio del gruppo Volkswagen. La versione prescelta della Leon è la berlina cinque porte – ovvio – alimentata dal 2.0 TDI da 150 CV (110 kW) con cambio manuale a 6 rapporti.

Le Leon destinate alla “trasmutazione in differenti felini” sono prodotte nello stabilimento spagnolo di Martorell e successivamente inviate presso la Nuova Carrozzeria Torinese di Chivasso. Quest’azienda, che opera da anni con la pubblica amministrazione per la modifica degli autoveicoli di Stato (sue tutte le modifiche sulle più recenti vetture), interviene profondamente all’interno e all’esterno. Alcune di queste: le portiere ricevono una protezione antiproiettile in kevlar, viene installato un sistema di disattivazione degli airbag in caso di speronamento di un’altra auto, la porzione posteriore dell’abitacolo viene allestita per il trasporto dei fermati, parabrezza e vetri anteriori ricevono cristalli antisfondamento che resistono anche a proiettili di piccolo calibro.

Naturalmente molti test di resistenza sono state condotti con prototipi per verificare la qualità dei veicoli: ad esempio la portiera blindata ha subito 100 mila cicli di apertura e chiusura ; le vetture sono state condotte ininterrottamente per cicli di 30.000 km fermandosi solo per rifornimento e sostituzione equipaggio; inoltre, prima di validare la vettura, apposite prove specifiche sono state condotte con gli specialisti di Polizia e Carabinieri che hanno verificato la bontà delle soluzioni adottate.

Di seguito il video di SEAT Italia che mostra le modifiche e le prove effettuate sulle vetture:

Share

Guarda anche...