Curare la propria auto: il lavaggio senza risciacquo (rinseless)

Abbiamo già trattato una parte dell’argomento di trattare l’auto senza acqua, e ora vediamo qualcosa di nuovo: lavare l’auto senza (o quasi) bisogno dell’acqua, nemmeno per il risciacquo. Una piccola quantità serve, un paio di secchi, ma è decisamente qualcosa di irrisorio rispetto al potenziale uso di una lancia. Inoltre, questo metodo ha il vantaggio di consentire il lavaggio di un veicolo anche all’interno del proprio garage o in uno spazio condominiale, senza allagare la zona e senza disturbare gli altri proprietari di veicoli nei dintorni. Basta una decina di litri di acqua. Per prima cosa occorre procurarsi un prodotto specifico, ovvero uno shampoo auto con la specifica no risciacquo: sono reperibili presso i migliori rivenditori di ricambi e accessori auto. La particolarità di questi detergenti è quella di racchiudere lo sporco, sollevandolo dalla carrozzeria per poter rimuovere il tutto in maniera il più sicura possibile, senza dover usare acqua a secchiate. Ringraziano l’ambiente e il nostro consumo medio di acqua.

Come procedere a un lavaggio senza risciacquo (Rinseless)

Lavaggio Senza Risciacquo – Rinseless

  1. Inserire una griglia da lavaggio sul fondo del secchio (serve a distaccare il movimento del guanto all’interno del secchio rispetto al fondo dello stesso, ove si depositano le impurità del lavaggio).
  2. Riempire il secchio con una decina di litri, anche abbondante.
  3. Seguendo le indicazioni del produttore, diluire lo shampoo all’interno del secchio.
  4. Immergere il guanto o la spugna all’interno del secchio, per impregnarlo accuratamente (si consiglia l’uso di due differenti spugne o guanti: in questo caso, è ideale un guanto in lana per la parte superiore dell’auto, mentre una spugna è più idonea per la parte bassa, più soggetta alla sporcizia della strada).
  5. Passare la spugna o il guanto sulla carrozzeria: attenzione a non esercitare pressione, e applicarne solo la minima possibile, per non “trascinare” via lo sporco ma permettere allo shampoo di agire, sollevandolo autonomamente.
  6. Risciacquare il guanto e la spugna nel secchio, strofinandoli contro la griglia del fondo per rimuovere residui e sporco, e lasciare che si depositino sul fondo. Ovviamente, è bene partire dall’alto della vettura, scendendo gradualmente, in modo da ridurre al minimo il rischio di trascinamento di residui in una nuova passata.
  7. Una volta passata tutta la vettura, asciugare con un panno in microfibra, periodicamente strizzato in maniera da mantenerlo con le migliori funzionalità.
  8. Si può aggiungere un pulitore rapido da ripassare con un nuovo panno in microfibra, avendo così cura e certezza che non ci siano ulteriori residui lasciati dalla prima passata.

È sottinteso che il processo deve avvenire non con la carrozzeria calda di sole e non alla luce solare diretta – altrimenti il prodotto rischia di asciugarsi sulla superficie e lasciare fastidiose macchie e residui. In caso di vettura particolarmente sporca, si può pretrattare con uno shampoo rinseless spray, che aiuta a sollevare

Share

Guarda anche...