Consumo asfalto al minimo, la sicurezza ne risente

I dati di Siteb, associazione che riunisce costruttori e manutentori delle strade italiane, sono davvero sconfortanti: il consumo asfalto in Italia è in calo, ai minimi storici praticamente, il che significa che non si effettua più la manutenzione stradale del caso. E quindi, il problema delle buche non solo resta irrisolto, ma si aggrava: perché se ne creano sempre di nuove e non ne vengono mai tappate abbastanza. Una questione sempre all’ordine del giorno, quando si parla di manutenzione stradale – e chi frequenta tratti ove transitano anche mezzi pesanti, ne sa ben qualcosa.

Dal 2010 al 2014 si è registrato un calo d’impiego del 23.22%: oltre un quinto, e non certo perché le condizioni sono migliorate per grazia ricevuta – per concederci un termine popolare – ma perché l’ordinaria manutenzione è in crisi. E con essa, tutto il comparto: dal punto di vista dei posti di lavoro, significa non impiegare manutentori e diminuire la produzione del materiale. Buffo, quasi, in quanto alcune tipologie d’asfalto prodotto in Italia sono tra le migliori al mondo, esportare con successo. Ma qui, sta calando nettamente la domanda interna. Pensare alle motivazioni è facile, ma la parte complicata  trovare delle soluzioni vere, e impiegare dei piani regolatori che diano respiro al settore dal punto di vista lavorativo, e anche alle sospensioni dei veicoli che rischiano sempre di più. Anche in termini di sicurezza.

Certo, il 2015 vice una breve boccata d’aria. Ma solo il canto del cigno, tra nove anni precedentiin calo e un 2016 altrettanto negativo= Viene spiegato come praticamente ormai si arrivi a svolgere solamente la metà della manutenzione che sarebbe necessaria, e significa avere un patrimonio stradale in completo degrado. Le nostre strade, quelle anche dove camminiamo tutti i giorni, ne risentono come qualità e come sicurezza. E serve un piano adeguato, che sia oggetto di amministrazione ordinaria, non solo dello straordinario utile in precisi periodi amministrativi.

Share

Guarda anche...