Con le Digital Light i fari intelligenti fanno un balzo in avanti

L‘illuminazione è un importante elemento della sicurezza alla guida (ne abbiamo parlato anche poco tempo fa, di quanto siano importanti i fari, il loro corretto utilizzo e manutenzione d’impianto), e proprio in questo campo si è fatto un altro passo – o quasi un balzo – in avanti, nello sviluppo tecnologico. Lo dobbiamo a Mercedes, che con il sistema Digital Light ha tutte le chance di rivoluzionare completamente il concetto di illuminazione della strada fatta dal veicolo.

2 milioni di pixel. Tale è il range di risoluzione complessiva che questo sistema di illuminazione, e si tratta di una sostanziale evoluzione dei fari a matrice di led, che è in grado di gestire i fasci di luce in maniera del tutto nuova, con l’adattabilità alla strada (come condizione ambientale ma anche fisica dell’asfalto) in maniera dinamica e senza creazione di riverberi abbaglianti per le altre vetture. Il sistema Digital Light si basa su due proiettori costruiti in maniera del tutto nuova: ciascun proiettore ha un microchip in grado di gestire una illuminazione da oltre un milione di pixel, che possono essere accesi o spenti singolarmente, con una distribuzione della luce del tutto nuova e massimamente dinamica: molto più che con i ledo, quanto a precisione e definizione della sagoma luminosa stessa. Attraverso i sensori di bordo (fondamentalmente telecamere e radar) vengono determinate anche le condizioni ambientali, oltre che la situazione di occupazione della strada, come altri veicoli, persone od oggetti. Nulla sfugge, e l’illuminazione può essere automaticamente variata in base alle esigenze, con la massima malleabilità offerta dal sistema a pixel, con una visibilità ottimizzata per non essere di fastidio agli altri occupanti della strada.

con-le-digital-light-i-fari-intelligenti-fanno-un-balzo-in-avanti-4

Addirittura, questo sistema di luci può integrarsi con la segnaletica stradale: su una strada prova di segnaletica orizzontale, per esempio, come ausilio alla guida (autonoma e del guidatore stesso) possono essere proiettati fasci luminosi sulla strada, allo scopo di simulare la dimensione delle corsie e massimizzare la sicurezza anche in condizioni di scarsa qualità del manto. Il sistema è già in test su alcune vetture, anche se Mercedes non ha specificato quando questo verrà commercializzato di serie. E noi già domandiamo la possibilità di implementarlo, un domani.

Share

Guarda anche...