Auto a guida autonoma in libera circolazione in Australia

Abbiamo a lungo parlato di auto a guida autonoma, e sicuramente continueremo a farlo in futuro. Considerando come cambierà il modo di gestirle, viverle e mantenerle, è un argomento non da poco. E ancora più importanti sono le fasi di test su strada. Mentre i test attuali sono al momento su tratti limitati o addirittura chiusi al traffico di altri veicoli, ci siamo spesso interrogati su cosa accadrebbe nell’interazione reale, in condizioni di traffico reale. La risposta arriverà probabilmente dal South Australia, che introduce una nuova normativa al codice della strada.

Si tratta in realtà di una modifica all’attuale, che presta il consenso affinché le case automobilistiche testino e collaudino le loro auto a guida autonoma direttamente su strada pubblica: dall’interazione con gli altri veicoli e i pedoni, alle potenziali difficoltà offerte da dissesti e irregolarità dell’asfalto, tutto verrà verificato in condizioni reali, e non più in sistemi chiusi. Si tratta di un indubbio passo avanti per il settore. La mossa del Ministro dei Trasporti australiano è anche di tipo economico: Stephen Mullighan rende noto in una nota che nessuna strada del territorio del South Australia sarà esente da questo provvedimento; considerando che, in compenso, altri Paesi pongono norme più o meno restrittive per la libera circolazione di queste vetture-test, il South Australia viene aperto a un settore che, nei prossimi anni, è valutato in una crescita fino ai 90 miliardi di dollari nell’arco di soli 15 anni.

Probabilmente con il Motor Vehicles (Trials of Automotive Technologies) Amendment Bill (nome della norma in questione) si punta a portare in prima linea l’Australia in questo campo, e anche a lanciare localmente un settore che, come detto, ha grandi promesse. D’altronde significa attrezzare una rete di connessione ad hoc e preparare anche team in grado di lavorare su queste auto. Non resta che stare a vedere gli sviluppi in termini più reali, con queste vetture che hanno sempre meno bisogno di noi.

Share

Guarda anche...