Assicurazione: il 60% degli italiani è in prima classe di merito

Italiani virtuosi? Così sembrerebbe. Secondo le ultime statistiche risulta che il 60% degli assicurati RC Auto risulta in prima classe, ovvero quella per la quale si paga il minor premio. I virtuosi, poso affini ai sinistri. Sarà che in famiglia si sfruttano le classi più convenienti, sarà che nel meccanismo di bonus-malus (partenza dalla classe 14, la più dispendiosa, a salire di una classe ogni anno senza incidente e a scendere di due in caso di due sinistri) si scala lentamente la classifica, ma il premio base della RCA è per molti il più basso possibile. In totale, si stima che l’85.9% degli automobilisti non abbia commesso alcun incidente negli ultimi 5 anni.

A proposito di costi, si registra però un’inversione di tendenza: rispetto all’anno passato, si interrompe il trend che vedeva i prezzi delle RC Auto in diminuzione. Significa, in verità, che si registra un incremento del “primo prezzo”, pari al 3.7& rispetto al primo semestre dello scorso anno. Interessanti i valori assicurati: per le auto nuove si ha una media di 23.800 euro, aumenta all’8.5% il numero di vetture ecologiche (ibride ed elettriche) assicurate. Sull’usato, il 49.8% è vetture a gasolio: l’Italia ama il diesel, a quanto pare (nonostante tutte le discussioni in merito, negli ultimi tempi).

L’assicurazione fa parte delle spese che vanno messe in conto per l’auto, e spesso si ricorre a comparatori online per cercare la migliore offerta. Parimenti si può fare anche con i servizi di manutenzione, confrontando diverse offerte per trovare quella migliore, fatta per la propria auto e per le proprie esigenze. Fondamentale è comunque rivolgersi a una rete di officine professionali, specializzate e dotate di tutte le attrezzature necessarie. Se la manutenzione fai-da-te a volte può sembrare un buon modo per risparmiare, la mancanza di coscienza completa può portare a rischio di danni superiori, con l’ottenimento dell’effetto contrario. E non ne vale la pena, se si rischia oltretutto di essere pericolosi e incorrere in un incidente che finirebbe per influire magari sulla classe di merito, no?

Share

Guarda anche...