Anche Porsche dice addio al motore Diesel

Proseguono le difficoltà per un motore, il diesel, che a lungo ha mosso le quattro ruote mondiali. È la casa sportiva e luxury Porsche ad annunciare l’addio a questo tipo do motorizzazione. Si tratta della prima tedesca che annuncia ufficialmente l’abbandono di questo combustibile. Tra i primi a darne l’annuncio, il quotidiano Seuddeutsche Zeitung, dietro annuncio del Ceo Oliver Blume. Si tratterebbe di una mossa volta a dedicarsi al meglio su auto a benzina, e andando oltre anche su ibride ed elettriche.

A dire di Blume, dopo la sospensione da febbraio 2018, era naturale interrompere definitivamente la produzione, senza lasciare più aperto uno scampolo di possibilità. Parrebbe che la crisi che ha coinvolto il diesel e l’uso su vetture tedesche, abbia colpito non in maniera leggera la Casa, la quale lamenta diverse problematiche di mercato in merito.

Dalla Germania inoltre arrivano pressioni, con il governo che affronta i problemi derivanti dai divieti di circolazione imposti al diesel in alcune città. Chi è in possesso di vetture di questo genere, anche di recente acquisto, si sente messo in condizione di estrema incertezza. Un incontro della coalizione di governo non è stato in grado ancora di venire a capo della faccenda, e la necessità è quella di risolverla prima che la situazione diventi (ulteriormente) spinosa per i consumatori.

La crisi del diesel

Lo scandalo iniziato con il Dieselgate colpisce anche a distanza di anni. La fiducia dei consumatori nei confronti di brand e motorizzazioni ha vacillato, e sta portando le Case automobilistiche a decisioni spesso importanti. Porsche è solo l’ultima, in ordine cronologico, a prendere questa definitiva decisione. E c’è da aspettarsi che, anche per il futuro, non mancheranno ulteriori defezioni produttive.

 

Share

Guarda anche...