Alfa Romeo Giulia: 105 anni festeggiati in grande ad Arese

Alfa Romeo punta al rilancio non solo in grande stile, ma a fare gola su tutto il mercato internazionale, con un modello sportivo ed elegante: la nuova Giulia. 105 anni di storia festeggiati con la presentazione di una vettura che punta ai mercati premium, dove i tedeschi spadroneggiano.

Fanali anteriori che ammiccano a un design speciale e aggressivo, facilmente interpretabile anche di due tipo di trazione disponibili: posteriore o integrale, con nuovi motori: quattro cilindri in linea oppure un V6 di derivazione sportiva: entrambe le versioni saranno disponibili sia a benzina che diesel, con una potenza variabile tra i 180 e i 400 cv, segno davvero del desiderio di imporsi in una rilevante e alta fetta di mercato. La punta di diamante della gamma Giulia sarà la versione con il sei cilindri a benzina, iniezione diretta, sviluppato direttamente con il dipartimento corse di Ferrari. Manuale a sei rapporti o automatico a otto rapporti saranno invece le opzioni disponibili per il cambio.

SXcnaHi

La nuova Alfa Giulia non è solo un modello di rilancio di marchio, ma di rilancio di quel Made in Italy che fa gola all’estero: sarà prodotta interamente nello stabilimento Alfa Romeo di Cassino, il motore a benzina sarò realizzato a Termoli e le versioni diesel invece saranno affidati a Pratola Serra e VM di Cento. Superfluo dire che anche aziende esterne ma sempre tricolori inseriscono la loro qualità in un veicolo di questo calibro: parliamo di Brembo e Magneti Marelli.

La presentazione del nuovo modello è avvenuta in un contesto unico e scientificamente scelto da Sergio Marchionne: a distanza di quattro anni dalla chiusura, infatti, viene in questa occasione riaperto e riportato sotto i riflettori il Museo dell’Alfa Romeo, ad Arese, abbinando il sollevamento del velo alla notizia più importante per tutta la produzione: un rilancio completo, con altri sette nuovi modelli entro il 2018, per un obiettivo finale di 400mila pezzi venduti. A quanto pare, la fusione con Chrisler ha fornito la possibilità di sviluppo e rilancio di uno storico marchio, che ora attendiamo solamente di vedere sulle nostre strade con questi nuovi, promettenti modelli.

Share

Guarda anche...