Vacanze di Natale in arrivo? I portapacchi e i portasci da auto

Natale si avvicina, e con esso le relative vacanze, che magari vanno avanti sino a Capodanno. Ha cominciato a nevicare, abbondantemente in alcune zone, dunque perché non approfittare anche della chiusura delle scuole, per andare in vacanza con tuttala famiglia? Sembra non esserci alcun motivo, però occorre prestare bene attenzione a come si utilizzano alcuni supporti, come il portatutto sul tetto della vettura e i portasci. Vediamo di capire meglio e, nel caso di difficoltà di scelta o installazione, ricordate che la scelta migliore è sempre quella di rivolgersi a un professionista.

Il portapacchi e il portasci

La prima cosa da verificare quando si acquista un portapacchi, è che sia compatibile con la nostra vettura. Non tutti sono adatti alle forme delle nostre portiere o del tetto, e soprattutto va ricordato che i prodotti legalmente utilizzabili, e quindi che non causano problemi in caso di controllo, sono solamente quelli di qualità, certificati e omologati. Si rischia altrimenti una multa, in caso di controllo. Altrettanto vale per il portasci, con l’attenzione che questo deve essere scelto con doppio occhio di riguardo, in quanto quelli magnetici (per quanto omologati, certificati e di qualità) non sono compatibili, per ovvie ragioni, con tetti in vetro, alluminio o altri materiali compositi.

Va sempre prestata attenzione nella fase di montaggio, e dopo qualche tempo è consigliabile far verificare che siano ancora ben stabili: le viti possono tendere ad allentarsi, dopo alcuni mesi di utilizzo,e richiedere quindi una nuova, giusta stretta, per mantenere la presa salda – qualora ne si necessiti per lungo tempo. In linea di massima, un portapacchi non può mantenere un carico superiore ai 50-70 kg, per non compromettere la guida (e la sicurezza). A portapacchi caricato, il baricentro infatti si sposta verso l’alto, e modifica non di poco il comportamento della vettura in termini di stabilità, ma anche di aerodinamica. Meglio delle funi elastiche, ci sono oggi moderni cavi con tenditore, che assicurano e non lasciano instabile il carico. Consigliabile, vista la stagione e le intemperie, di utilizzare un contenitore portatutto chiuso: protegge il contenuto dagli agenti atmosferici (e da eventuali furti, visto che è richiudibile con lucchetti e altri sistemi) e ha una forma più aerodinamica.

A proposito dei portasci, va segnalato che gli sci in questi devono essere ben assicurati, con le staffe ben chiuse, e devono essere montati con la punta rivolta verso la parte posteriore della vettura, allo scopo di ridurne la resistenza aerodinamica.

Ti potrebbe anche interessare...