Nuovi pneumatici antirumore da Pirelli

Lo sviluppo tecnologico di Pirelli non si ferma mai. Lo dimostra il fatto che nel 2018 abbia raddoppiato il numero di omologazioni di pneumatici antirumore PNCS. Da 78 tipologie differenti, le varianti sono diventate ben 150. Il Noise Cancelling System è molto apprezzato dagli utenti, grazie al confort che offre soprattutto durante viaggi di una certa percorrenza, ma anche dai produttori (in particolar modo sul settore premium e prestige) come valore aggiunto alla vettura. Si parla, d’altronde, di una riduzione fino al 15% della rumorisità data dal rotolamento del battistrada sul terreno.

La tecnologia PNCS, lanciata nel 2013, si è rapidamente mostrata come l’alleata ideale dei progettisti per poter offrire maggiore confort all’interno dell’abitacolo, ma anche di ricambisti ed esperti del settore aftermarket per migliorare le prestazioni della vettura post-vendita, o semplicemente aumentarne la gradevolezza di guida anche su segmenti meno prestigiosi. Il segreto è nel materiale fonoassorbente che smorza fortemente le vibrazioni dell’aria. Sono quelle, infatti, che provocano il fastidioso rumore di sottofondo dato dal rotolamento.

Per mantenere al meglio le funzionalità degli pneumatici antirumore (ma, a ben vedere, di tutte le coperture in generale) è opportuno verificare con regolarità la pressione delle stesse e lo stato di usura. Dal primo equipaggiamento ai successivi cambi, non bisogna mai mancare nella fase di manutenzione.

Maurizio Boiocchi, vice presidente esecutivo Technology and Innovation di Pirelli, spiega:

L’azienda lavora quotidianamente, per specializzarsi sulle tecnologie complementari volte a migliorare la vita dell’automobilista: Run Flat e Seal Inside, per minimizzare i rischi connessi alle forature, PNCS, per migliorare il comfort durante i viaggi. Queste specializzazioni sono richieste dagli stessi costruttori automobilistici premium e prestige per portare ai massimi livelli la qualità delle auto […] Il contributo di Pirelli viene gratificato dalle quasi 3.100 omologazioni ricevute di cui più di 770 legate a specialties e oltre 720 marcate con il simbolo che identifica il costruttore: la presenza nei pneumatici di tecnologie come PNCS spiega agli automobilisti l’importanza di scegliere sul mercato del ricambio pneumatici sviluppati appositamente per l’auto che si guida.

Ti potrebbe anche interessare...