La produzione automotive continua a trainare l’economia

Secondo i dati preliminari ANFIA, nel primo semestre dell’anno in corso la produzione di autovetture supera le 410.000 unità, registrando una crescita tendenziale del 10%.

Dunque, se l’industria italiana nel suo complesso appare in discreta salute, buona parte di questo benessere è dovuto al comparto della produzione automotive. I numeri parlano chiaro.

Infatti il totale degli autoveicoli prodotti in Italia nel periodo gennaio-giugno 2017 è di 610.000 unità (+7%), più della metà delle quali destinate all’export. La quota delle unità vendute all’estero rispetto alla produzione domestica è del 53% per le autovetture e del 62% considerando tutti gli autoveicoli.

Continuando con l’analisi della Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, la domanda interna ed estera hanno trainato finora la produzione domestica. Nel primo semestre 2017, il mercato italiano dell’auto ha riportato una crescita del 9%. Anche le immatricolazioni degli altri comparti presentano un segno positivo, in Italia, nel primo semestre 2017: +6,5% per i veicoli commerciali leggeri, +21,5% per gli autocarri, +49,6% per gli autobus, +22,5% peri rimorchi e semirimorchi pesanti e +3,7% per i rimorchi leggeri.

Nel primi cinque mesi dell’anno in corso, il valore delle esportazioni di autoveicoli dall’Italia risulta in rialzo del 20%. A maggio 2017, le esportazioni di autoveicoli hanno raggiunto un valore di 2,34 miliardi di euro (+28,3%), rappresentando il 5,7% di tutte le esportazioni, mentre le importazioni di autoveicoli valgono 3,26 miliardi di euro (+24,4%), pari all’8,9% di tutte le importazioni italiane.  

Gli Stati Uniti continuano a rappresentare, in valore, il primo Paese di destinazione per l’export di autoveicoli dall’Italia, con una quota del 18,6%, seguiti da Germania e Francia, con quote, rispettivamente, del 13% e del 12%.

Anche la produzione italiana di parti e accessori per autoveicoli e loro motori vede un l primo semestre 2017 in crescita, con un rispettabilissimo +7,1% mentre il fatturato stacca un + 7,9%.  

Ti potrebbe anche interessare...