Hyundai Tucson, Mazda MX-5 e Opel Karl: le nuove stelle Euro NCAP

Nuovo giro di test per le sicurezze delle vetture uscite da poco sul mercato. Euro NCAP testa così la nuova versione della Hyundai Tucson, la rinnovata Mazda MX-5 di cui abbiamo recentemente parlato e anche la Opel Karl. Ma andando oltre, scopriamo di più sui test effettuati e sulle stelle assegnate

Hyundai Tucson: 5 stelle Euro NCAP

Il miglior punteggio lo conquista il piccolo Suv che tanto piace al mercato: snella e sicuramente più cittadina di altre vetture, Tucson mantiene anche la tradizione di sicurezza che ha caratterizzato la vettura. Una copertura di sicurezza che per gli adulti arriva all’86% grazie a più che buone protezioni. Per i bambini sono risultati anche più che validi (85%) i sistemi di protezione sia in caso di montaggio seggiolino su sedile anteriore che su posteriore, a seconda dell’età. La protezione di impatto per i pedoni è al 71%, pari a quella della dotazione Safety Assist: cofano attivo ed ESC sono sistemi di serie, mentre AEB urbano ed extraurbano, limitatore di velocità e sistema di Lane Assist sono opzionaloi in fase di configurazione.

Mazda MX-5: 4 stelle Euro NCAP

La piccola sportiva di Mazda si comporta piuttosto bene per le dotazioni per la sicurezza immediata del corpo umano: 84% agli adulti, 80% bambini (con una protezione valutata più che buona per il sedile anteriore) che per i pedoni (in questo caso si sale addirittura al 90%, grazie a una conformazione particolare e a una scelta dei materiali particolare per assorbire al meglio gli impatti contro il cofano anteriore).

Opel Karl: 4 stelle Euro NCAP

La piccola cinque porte di casa Opel si comporta egregiamente, nella sua categoria supermini, sebbene ce ne siano altre che hanno ottenuto punteggi superiori. A intaccare il punteggio per i passeggeri umani (74%) è la scarsa propensione alla resistenza agli impatti laterali. La protezione cala ulteriormente per quanto riguarda la presenza di bambini, che sebbene sia buona con seggiolino Isofix, è valutata come “marginale” se il seggiolino è montato sui sedili posteriori. Per l’impatto con i pedoni si ottiene una percentuale del 68%. Questi dati si spiegano quando, andando a vedere le dotazioni Safety Assist, si scopre che non vi sono airbag alle ginocchia e per il bacino, e che cofano attivo, AEB urbano ed extraurbano non sono contemplabili nemmeno su configurazione.

Ti potrebbe anche interessare...