Gruppo Daimler, 700.000 vetture diesel a rischio richiamo

Nuova brutta batosta (potenziale) per il Gruppo Daimler: potrebbe infatti esserci la necessità di richiamare 700 mila auto su tutto il territorio europeo, a causa di un possibile intervento con dispositivi di manomissione delle emissioni reali. A parlarne è il magazine tedesco Spiegale, che cita un rapporto dell’agenzia federale tedesca.

Si parla qui di ben 24 modelli coinvolti nella verifica, tra cui la Mercedes Classe C, la fascia alta della Classe S,alcuni modelli di suv e il furgone commerciale Vito. Molti di questi modelli sono ancora nella gamma a catalogo per la vendita. Sembrerebbe che l’agenzia di controllo abbia richiesto la rimozione del dispositivo di manipolazione da tutte le vetture, oltre al relativo aggiornamento del software per evitare di ottenere dati falsati.

Si tratta dell’ennesimo rilievo di problemi ai dispositivi di controllo delle emissioni su vetture tedesche. Con i consumatori che continuano a premiare i produttori dalla Germania,a non farlo sono le costanti verifiche che vengono effettuate a seguito dello scandalo del Dieselgate. In questo caso non sono ancora chiari ulteriori dettagli come i numeri di telaio coinvolti, tutte le serie o le annate, ma una cosa è certa: sarà l’ennesimo costoso intervento per il Gruppo, che dovrà affrontare con  sicurezza tutta la questione.

Ancora una volta, la discrezione è d’obbligo Daimler non fa proclami e si limita ad agire sulle vetture interessate – di cui attendiamo gli elenchi per comprendere quante di queste siano in Italia,e debbano così rientrare in officina per le modifiche del caso.

Ti potrebbe anche interessare...