Ford prepara i test drive virtuali: un futuro in 3D

Il sistema si chiama Try before you buy, e riguarda il metodo con cui Ford intende far provare le proprie vetture, prima dell’acquisto. Addio appuntamenti in concessionaria, addio code agli open weekend, addio… Addio tutto. Basterà avere un visore 3D, secondo i progetti. Le nuove tecnologie di realtà virtuale e realtà aumentata trovano così un nuovo vincolo pratico. Con l’uso di questi speciali occhiali 3D, infatti, diventa possibile immergersi in un ambiente qualsiasi, e si può comodamente provare la vettura dalla scrivania o dal divano. Diversi modelli tra i quali scegliere, dei quali studiare i cubaggi e gli ingombri – per quanto possibile – prima di passare alla prova reale e quindi all’acquisto. Perché, bene o male, il solo vedere non restituisce il feeling dell’asfalto. Non ancora, almeno.

Questo è quello che Ford vede nel futuro dell’auto. Colpire emozionalmente anche in innovazione è uno dei prossimi campi di mercato dove tutti dovranno andare a lavorare, anche nel mondo dell’automotive, e dall’ovale blu sembrano essere già sulla buona strada. Perché è l’impatto emotivo che funziona sempre di più, più ancora del pensiero del lungo periodo. Insomma, il mercato cambia anche in questo senso – e non ha poi nulla a che vedere con il tenersi un’auto o la manutenzione. Si va oltre, si va al concetto dell’impulso.

Jeffrey Nowak, Global Digital Experience Chief di Ford Motor Company, spiega meglio questo tipo di procedura e idea:

Prevediamo che un giorno il cliente potrà scegliere dove e quando simulare il test drive di un veicolo, definendone ogni aspetto, dal colore alle finiture degli interni. È facile immaginare che qualcuno intenzionato a comprare un SUV potrebbe provarlo in un test drive sulle dune del deserto senza dover abbandonare il comfort di casa propria. Allo stesso modo, potremmo ipotizzare che qualcuno interessato a una city car potrebbe provarla in un test drive tra il traffico urbano nelle ore di punta.

Chissà come sarà, un domani,la resa fisica di tutte queste sensazioni.

Ti potrebbe anche interessare...