Il car sharing continua a crescere: +35% in sei mesi

Un fenomeno particolare, che ormai vediamo dilagare da anni, è quello del car sharing. L’idea di condividere un viaggio in auto (meglio detto ride sharing) o un’auto tra più utenti (il vero e proprio car sharing) fa gola, per una serie di motivi: è on demand, consente di avere un risparmio importante in caso di utilizzo sporadico (ma ha lo svantaggio di una difficile sicurezza, se si usa l’auto regolarmente), non dà l’impegno della manutenzione… Fa gola. E fa tanta gola che, secondo la ricerca “Smart Mobility in Smart Cities” di Urbi, la app di aggregazione per la sharing mobility, l’incremento degli ultimi 6 mesi è pasi al 35%, con oltre 30 milioni di chilometri percorsi a bordo.

I servizi di car sharing si mostrano capillari ed efficienti in città come Roma, Firenze, Torino e Milano. Ma il maggiore incremento si registra a Torino: il capoluogo piemontese segna un impressionante +54%. E non mancano gli estimatori anche per via delle ridotte limitazioni al traffico: spesso, infatti, i vari servizi di condivisione della vettura offrono la possibilità di varcare con queste auto i limiti delle zone a traffico limitato. E non piace poco: piace moltissimo.

Così, quando non c’è l’auto di proprietà, prende piede la condivisione della vettura. D’altronde si valuta che il noleggio medio è di circa 25 minuti, quindi valido su tratti urbani e brevi. Incrementa inoltre soprattutto nelle ore serali, rispetto a sei mesi fa. Complici forse la stagione invernale più fredda e i mezzi pubblici che non sempre hanno orari sino a notte fonda, l’aumento del noleggio tra le 22 e le 6 del mattino è dell’8.6%. Sono tutti dati importanti, per il mercato automotive che si vede costantemente in evoluzione. Tra vetture sempre più tecnologiche e che puntano alla personalizzazione secondo gusti ed esigenze del proprietario, ad auto condivise e più semplici da gestire, lasciando responsabilità come assicurazione e manutenzione direttamente alla società principale.

 

Ti potrebbe anche interessare...