Benzina al posto del gasolio: che fare?

A molti (per fortuna non a tutti) è capitato almeno una volta di fare benzina al posto del gasolio. Un errore di distrazione, essere sovrappensiero o poco pratici del self service, abituati al servito… Ma la verità è che i potenziali (e probabili) danni al motore sono elevatissimi. Di base il diesel (gasolio, detta anche) contiene più olio rispetto alla benzina tradizionale: questo perché, per sua struttura, questo genere di motori necessita una lubrificazione interna data dal carburante stesso. Utilizzare combustibile non lubrificato significa quindi mettere seriamente a rischio il motore, l’auto intera e persino la propria incolumità. Prima di andare oltre va notata una cosa: l’assicurazione non risarcisce i danni se si è fatto rifornimento al self service mediante pompa sbagliata. Se lo si ha fatto in quella giusta ma la cisterna era mal caricata occorrono verifiche e perizie. Se a fare rifornimento è stato l’addetto alla pompa, allora è possibile effettuare una rivalsa al distributore. Vediamo passo per passo i motivi, nel dettaglio, e cosa fare in caso ci si ritrovi con benzina al posto del gasolio.

Quali sono i danni della benzina al posto del gasolio

Le proprietà fisiche più elementari del diesel le abbiamo appena viste, e abbiamo anche spiegato come mai è pericoloso utilizzare benzina invece che quello. La mancanza di lubrificazione interna porta in primo luogo ad andamento “a strappi”, quindi blocchi alla pompa d’iniezione e al resto dell’impianto, sino a danneggiare valvole e pistoni. Inoltre la benzina brucia a temperature inferiori rispetto a quelle del motore diesel: questo significa che la benzina si va a incendiare più violentemente, produce gas a pressioni e temperature superiori che possono portare allo shock termico e rottura del motore. La più grave conseguenza è però l’incendio: le auto dotate di Filtro Anti Particolato (FAP)  possono incorrere nel passaggio di benzina sul filtro rovente, con conseguente incendio del sistema.

Cosa fare quando si mette benzina al posto del gasolio

Non appena ci si rende conto dell’errore, occorre non mettere in moto la vettura – se possibile. Meno entra in circolo la benzina meglio è, ovviamente. Per questioni meccaniche e di sicurezza, come abbiamo appena visto. Questo significa anche che non si debba accendere il quadro, in quanto in quel momento entra in gioco la pompa di avviamento. L’ideale è spingere a mano, a folle, l’auto in un punto sicuro dal quale chiamare il soccorso stradale e far trasportare l’auto presso la propria officina di fiducia, che provvederà a svuotare il serbatoio e a effettuare una verifica dei sistemi. Se l’auto è stata messa in moto, però, l’intervento diventa ben più lungo – e anche economicamente impegnativo.

E se si mette il gasolio al posto della benzina?

Per via della differente forma dei bocchettoni di rifornimento, in linea di massima questo non può accadere: il bocchettone diesel non entra nel rifornimento benzina. Ma qualora questo dovesse capitare, su auto molto vecchie, l’importante è che non si introducano che pochi litri. A quel punto basta fare il pieno di benzina e, una volta ritornati a metà serbatoio, fare ancora il pieno benzina. In questa maniera si porta a smaltire gradualmente il carburante sbagliato, diluendolo. Se invece si fa il pieno… Valgono le stesse regole di sicurezza precedentemente esposte: spostare l’auto in sicurezza, senza accendere il motore, e farsi rimorchiare in officina.

Ti potrebbe anche interessare...