Auto a guida autonoma, novità per gli incidenti di Uber e Tesla

Più si va avanti nel tempo, più si parla di auto a guida autonoma e più accadono incidenti che coinvolgono anche altri occupanti della strada. Tra quello che ha coinvolto la vettura di Uber e quello che ha visto protagonista una Tesla (ne vedremo qualche dettaglio più avanti in questo stesso articolo), negli ultimi mesi non ne sono (purtroppo) mancati. Ma andiamo a vedere le novità una alla volta.

Cominciamo a parlare dell’incidente dell’auto Uber. alcuni mesi fa, in Arizona, una vettura non ha riconosciuto un pedone sino all’ultimo momento (secondo le analisi, pochi istanti prima dell’impatto). A dirlo è la National Transportation Safety Board,che sostiene anche che il pedone in questione fosse vestito di scuro e non stesse attraversando sulle strisce pedonali. Insomma, a mettere in crisi la vettura è stato proprio il fattore umano, spesso discusso in questo campo. Il fatto che l’esame tossicologico abbia rivelato come la vittima fosse sotto l’effetto di stupefacenti (metanfetamine e marijuana) non serve certo a scagionare la tecnologia. Anzi, rende ancora più evidente come l’elemento non calcolabile sia davvero non calcolabile, nemmeno per un sofisticato computer. Si mettono così in dubbio i test sulle vetture e sulla tecnologia che Uber utilizza.

Non va meglio per Tesla, che già ha altri tipi di problemi. In Utah, nello scontro con un mezzo dei pompieri che ha ferito due persone, la modalità Autopilot ha effettuato un’accelerazione nei secondi che hanno preceduto l’impatto. Ancora da determinare le cause di questa mossa, ma la fonte di Associated Press sarebbe un rapporto della stessa polizia che indaga sui fatti.

Restano i dubbi sulle auto a guida autonoma

Le self driving car lasciano ancora molti dubbi, quando viene escluso l’intervento umano alla guida. L’occhio umano sembra davvero in grado di vedere meglio, ma soprattutto non ha presunzione d’infallibilità. Sembra evidente come questa tecnologia sia ancora troppo acerba per essere immessa in breve tempo sulle strade, per cui è bene proseguire con le nostre auto.

Ti potrebbe anche interessare...