A scuola lo studente italiano va in auto

  • d39224df12ad6e89223f4a3cd627fa07

Da poco più di un mese è ricominciata la scuola; e l’inizio del nuovo anno scolastico è stata occasione per il Centro Studi Continental per condurre un’elaborazione sui mezzi di trasporto più utilizzati dagli studenti italiani per compiere il tragitto casa-scuola (o università).

Ne risulta che il mezzo di trasporto di gran lunga preferito da studenti e universitari è l’auto, che ogni giorno è utilizzata da circa 5 milioni di studenti (sia come passeggeri che come conducenti). Se al primo posto di questa classifica vi sono gli studenti che vanno a scuola in auto, al secondo vi sono quelli che vanno a scuola a piedi. Seguono quelli che utilizzano il pullman, poi il tram o il bus, poi ancora il treno, la metropolitana, la bicicletta e la moto (o il ciclomotore).

Se si mettono a confronto i dati sui mezzi di trasporto preferiti dagli studenti del 2006 con quelli dell’anno scolastico 2015, ne emerge che il mezzo che ha avuto la crescita maggiore di utilizzatori è la metropolitana (+35,6%), seguita da treno (+29,6%) e auto (+10,3%). Leggermente in aumento (+2,9%) anche il numero degli studenti che vanno a scuola a piedi. In diminuzione invece vi è l’uso di tram e bus (-0,4%), bicicletta (-1,8%) e pullman (-4,5%). Da segnalare il fortissimo calo subìto dal numero di studenti che vanno a scuola in moto (-40,5%).

Dai dati analizzati emerge che vi è un forte prevalenza di studenti che utilizzano mezzi su gomma (auto, pullman, bici, moto) per andare a scuola, segno del fatto che l’uso di mezzi alternativi è penalizzato da una arretratezza nella dotazione di infrastrutture che causa sovraffollamenti e ritardi. Tale situazione ha determinato la disaffezione da parte degli studenti (oltre che delle altre categorie di utenti) ed un maggior utilizzo dei mezzi privati.

Il fatto che in molti i casi non vi siano alternative praticabili ha portato, come abbiamo visto, ad un uso intensivo dell’automobile come mezzo di trasporto anche da parte degli studenti. Questa situazione è causa di forti preoccupazioni sia per la l’impatto ambientale dell’uso massiccio di automobili sia per la sicurezza della circolazione, che deve essere garantita in ogni frangente, ed in particolare quando ad essere sulla strada sono i membri più giovani della società. Per questo il Centro Studi Continental e dotcar.it raccomandano, oltre a tenere in perfetta efficienza il proprio veicolo, il rispetto delle norme del codice della strada in ogni situazione e la massima prudenza, facendo particolare attenzione per la sicurezza dei pedoni, che sono gli utenti più deboli sulla strada. 

Ti potrebbe anche interessare...